È notizia di questi giorni che la Regione Lazio ha intimato al Comune di Ladispoli di aderire ad Acea ATO2, pena il commissariamento.

Ad onor del vero ricordiamo che Acea, sebbene controllata dal comune di Roma, non fa altro che eseguire disposizioni di legge a cui non può derogare anche per colpa dell’inerzia della Regione Lazio (come spiegheremo in un articolo dedicato).

Per il Movimento 5 Stelle mantenere l’acqua pubblica è sempre stato un punto essenziale, tanto da rappresentare una delle 5 stelle fondanti. L’acqua è un bene comune, inalienabile, e pertanto è basilare mantenere la sua gestione pubblica, che nel caso specifico di Ladispoli si traduce nel lasciare la gestione nelle mani di Flavia Servizi. Quest’azienda municipalizzata ha sempre garantito una gestione ottimale del servizio, con prezzi contenuti e operatori specializzati che controllano puntualmente la qualità dell’acqua che arriva nelle nostre case.

Come abbiamo sempre fatto in passato, al di là del colore dell’amministrazione, appoggeremo qualsiasi iniziativa che possa difendere questo diritto dei cittadini.

I nostri consiglieri comunali stanno lavorando insieme al gruppo consiliare del M5S della Regione Lazio per far sì che la legge regionale n. 5 del 4 aprile 2014 (che disciplina l’applicazione del referendum del 2011 a favore dell’acqua pubblica) trovi piena applicazione, nonostante i tentativi di boicottaggio di “Zingaretti&co”.  I nostri consiglieri regionali hanno sollecitato più volte la Giunta regionale attraverso interrogazioni per far attuare completamente la legge che riguarda “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque”.

Purtroppo il comune di Ladispoli paga tanti anni di inadempienze e mancata manutenzione dell’acquedotto e questo porta ad una frequente carenza di acqua in varie zone di Ladispoli, come abbiamo potuto notare negli ultimi mesi e soprattutto lo scorso anno. Ciò che è mancato veramente però, è stato un realistico e consolidato coordinamento con i comuni limitrofi, insieme ai quali Ladispoli avrebbe potuto opporsi ad Acea ATO2 in maniera più decisa.

La nostra battaglia per la gestione pubblica dell’acqua continua, chiediamo il sostegno di tutti i cittadini che hanno a cuore la tutela e la valorizzazione delle risorse pubbliche.